L’IMPERATRICE DELLA CINA – WU ZETIAN DA CONCUBINA A IMPERATRICE -UNA SERIE TV DI GRANDE SUCCESSO

“Empress of China” è una serie televisiva di grande successo che è arrivata a 68 puntate!

 

L’imperatrice Wu, nota anche come Wu Zetian (Guangyan, 17 febbraio 624 – Luoyang, 16 dicembre 705)  fu l’unica imperatrice a fondare una propria dinastia e regnò con il nome di “imperatore Shengshen” dal 690 al 705.

Il periodo della dinastia Tang fu considerato un periodo glorioso, sotto il dominio di una dinastia di livello mondiale, tanto da essere considerato il migliore nella storia cinese. La sua capitale Chang’an arrivò ad avere un milione di abitanti. Era la più grande e la più prospera città metropolitana . Gli stati confinanti conquistati, non solo pagavano un tributo, ma frequentemente intrattenevano rapporti commerciali e culturali con i Tang.

L’imperatore Taizong fu il solo responsabile di questa età dell’oro. Nell’ambito della Corte Imperiale, l‘imperatore organizzò un sistema legale amministrativo generale.       L’harem di Taizong era l’apice dello splendore e della scala; accoglieva 40 mila donne, con oltre 120 concubine. Queste donne facevano ogni sforzo per conquistare l’affetto dell’imperatore, per diventare imperatrici e guidare l’harem.

 

PRIMI EPISODI

 

PRIMO EPISODIO

 

https://www.youtube.com/watch?v=YBgE40x8GW o

 

https://www.youtube.com/watch?v=YBgE40x8GWo

 

Nell’anno 636, la giovane Hu Ruyi arrivò al Palazzo. Ella dovette vincere la concorrenza di altre candidate, come Xiao Qiang, Zheng Wanyan e Xu Hui per assumere il ruolo di Nobile Consorte, Pura Consorte, Virtuosa Consorte e Consorte Capace.

Nonostante ‘interminabile bagno di sangue, riuscì a diventare Imperatrice. L’harem era il luogo dove tramavano donne traditrici, mentre la Corte era il luogo, dove gli uomini che volevano usurpare il trono ingaggiavano una lotta per il potere. Essi si trovavano di fronte alla opposizione di altri uomini, come Zhansun Wuji, Wei Zheng e Chu Suiliang. Alla fine gli uomini erano quelli che venivano conquistati. Il destino della sola imperatrice donna nella storia della Cina cominciò a 14 anni. Fu l’unica a non inginocchiarsi al passaggio della portantina dell’Imperatore (vuota), rischiando la vita.

L’imperatore Taizong Li Shimin era salito al trono uccidendo i suoi fratelli al Xuanwu Gate e creò l’età d’oro dei Tang. I suoi tre figli Li Chengqian, il Principe della Corona, Li Ke, principe di Wu, e Li Tai, principe di Wei, sembrano andare d’accordo, ma, in realtà, ciascuno di essi ha un proprio piani in mente. Per la conquista del trono, stanno per mettere in scena episodi di un bagno di sangue, facendo sprofondare la famiglia Li nella maledizione di Xuanwu Gate e spianando la strada alla ascesa di Wu Zetian.

 

Taizong sfida a un duello con la spada i suoi figli; chi riuscirà a sconfiggerlo, avrà il suo cavallo. Sconfigge il primo e poi li invita ad attaccarlo insieme, ma essi falliscono. L’imperatore si mostra deluso: se non riescono a vincere un duello, come potranno un giorno combattere un invasore?

Vediamo poi le donne che vengono misurate. Wu Zetian rifiuta, ma date le sue parentele, viene esentata dalla misura. Segue una scena con le mogli. La Nobile Consorte Wei detta le regole. Le consorti di primo rango aspettano una udienza dell’Imperatore. Assistono anche le altre donne fino all’ottavo rango.

 

Succede un incidente. La quarta consorte, incinta, cade e ha una emorragia, così che perderà il bambino. La consorte Wei accusa la consorte Yang.  Wu Ruyi testimonia per la consorte Yang: non è stata lei a provocare la caduta! Era un complotto organizzato dalla consorte Wei, ma non è riuscito; eppure era stato organizzato con cura! Quando l’imperatore vede le lanterne con i desideri delle giovani donne è curioso di leggerli e gli vengono portate due lanterne. Casualmente, una è di Wu Ruyi.

 

Quando le dicono che la consorte Liu si è svegliata, la consorte Wei la va a trovare. Le ricorda che il suo ruolo di quarta consorte e la promozione di suo padre sono state ottenuti grazie al suo favore. La consorte Liu dovrebbe essere riconoscente. Questa invece si ribella e minaccia di raccontare all’imperatore tutti i crimini commessi dalla consorte Liu, essa ribatte che anche la consorte Liu è colpevole di alcuni di questi crimini. Le dice anche che, in occasione delle sue ultime due gravidanze, è stato un suo farmaco a farla abortire. Siccome lei non può avere figli, neppure la consorte Liu ne deve avere!  Queste rivelazioni sono troppo dolorose! Le mandano il necessario cappio e  consorte Liu si impicca!

 

SECONDO EPISODIO

https://www.youtube.com/watch?v=hj0BnKW-Qt I

 

Le giovani donne dell’harem provano una coreografia che mostra il principe Lanling in battaglia. Fu l’ultimo favorito della imperatrice Wende. L’insegnante Siyue Zhao descrive alcune caratteristiche di Langling e invita le allieve a impegnarsi. La lezione viene interrotta, quando viene portata la notizia della morte della Able Consort. Si dovrà scegliere una nuova consorte e c’è una occasione per una delle ragazze.

 

La consorte Wei incontra la consorte Yang e si scusa per averla accusata ingiustamente.

La consorte Yang rende omaggio alla consorte Liu e così incontra l’imperatore, venuto a rendere omaggio. Dice che la vita nell’harem è incerta. Comunque tutto va bene, se l’imperatore sta bene.

 

Vediamo poi la consorte Wei  con Chun Ying, sua  cameriera e sua complice di misfatti. Si odono pianti per la morte della Able Consort nel Palazzo Yeting, nonostante sia stato loro detto di non disturbare. Chun Ying deve dire a Chen Gong-Gong di trovare un modo di tagliare la lingua a quelli che continuano a disturbare con i loro schiamazzi. Deve inoltre dire a Xiao Qiang di non cercare di incontrarla. Prenderà lei accordi con l’imperatore.

Vediamo poi Chun Ying in visita a Siyue Zhao. Le porta un dono della consorte Wei: si tratta di ginsheng  di Liaodong per sua madre malata. Le chiede se ha in mente un nome per la parte di Lanling nella esibizione del giorno seguente. Chiede chiarimenti su un episodio. Nell’anno 629, in occasione di una cerimonia di commemorazione, L’Ufficio dei Riti acquistò oggetti ad un prezzo che era tre volte quello di mercato. Siyue Zhao dice che scherza e Chun Yin risponde che non si permetterebbe.

 

Wu Ruyi e la sua amica arrivano tardi e, come punizione, devono portare la biancheria sporca alla lavanderia. Impiegano molto tempo. Quando tornano, Xiao Qiang è stata già scelta per la parte del principe Lanling.

La consorte Yang è stupita della scelta; le sembrava  che la candidata fosse Wu  Ruyi. La cameriera risponde che forse era così, ma che Siyue Zhao forse era stata pagata. La consorte Yang dice che è stata ricattata. Ormai è tardi: Xiao Qiang passerà la notte con l’imperatore. Per la consorte Wei sarà come un’altra consorte Liu. tuttavia, la consorte Yang conosce un modo per mandare all’aria tutto: invia all’imperatore un ritratto della imperatrice Wende che lo fa appendere in bella vista. Ravviva così il suo ricordo incancellabile.

Xiao Qiang si reca dall’imperatore a Ganlu Palace, ma questi comincia a bere in ricordo della imperatrice Wende che l’ha lasciato un anno prima.  Sogna di rivederla danzare con la sua grazia. Poi Taizong si addormenta ubriaco al Palazzo Ganlu. Wang Gong-Gong si permette di farlo portare a  Palazzo Chengqing, dove  Si sveglia alle 3. Intanto Xiao Qiang aspetta in ginocchio. L’imperatore dice di mandarla via, anche se è la nipote della consorte Wei. Le invia un oggetto a forma di mezzaluna come ricompensa. Nel frattempo si scopre che da Chengqing Palace è stato rubato la maschera del principe Lanling, il favorito della imperatrice Wende.

Intanto Cairen Xiao si deve curare dal raffreddore e non può praticare per due giorni; Cairen Wu Ruyi fa la parte del principe Lanling.

Cairen Wu Ruyi si trattiene a   Chengqing Palace. Nasconde sotto l’abito la maschera di Lanling. Sin sofferma davanti a un dipinto che raffigura l’imperatrice Wende che balla e cerca di imitare le sue posture. In tale momento viene sorpresa dall’imperatore.

 

 

 

 

 

EPISODIO 3

 

https://www.youtube.com/watch?v=aemPi4Pyg5 U (togliere spazio)

 

Cairen Wu dice alla sua amica di avere ballato con un uomo a Ganlu Hall.

 

Le nuove Cairen sono invitate a leggere i libri scritti dalla imperatrice Wende, che insegnano a essere una buona imperatrice. Le giovani si dividono i libri, strappandoseli di mano.

 

Zhangsun Wuji, Sikong, fratello della imperatrice Wende, viene ricevuto dall’imperatore. Ricorda che è il decimo anno della Cerimonia della Aratura. Si seminano i semi in primavera e si arano i campi in estate. Ricorda che il giorno in corso è l’anniversario della morte di Wende. L’imperatore dice che, se fosse ancora viva, arerebbe e raccoglierebbe i bachi da seta con lui e sarebbe un piacere.

Zhangsun Wuji dice che sua sorella è stata fortunata, poichè l’imperatore sente tanto la sua mancanza; ma è morta da un anno. Non si possono risuscitare i morti; bisogna stare di buon umore. L’imperatore non ha visitato Qiangxiang Palace per qualche tempo. Non è stata una buona idea.   Xiao Qiang, nipote della consorte Wei, è entrata nel Palazzo. Deve riconsiderare la sua compagna di letto.

L’imperatore risponde: “Fuji non desidero udire quello nell’anniversario della morte di Wende.” “sono sicuro che mia sorella avrebbe voluto lo stesso.” “Voi siete il mio Cancelliere, dovreste consigliarmi sugli affari stato, non sui miei affari personali.” “Questo è un affare di stato, perché coinvolge il clan Wei.” “Vi invito a riconsiderare la faccenda.”

 

L’amica dice a Cairen Wu Ruyi che bisogna leggere i libri, perché contengono la saggezza degli antichi. Perché é triste, visto che può incontrare l’imperatore quella sera? A questo punto Cairen Wu Ruyi si accorge che le è stato rubato il suo astuccio (con la maschera di Langling).

“L’imperatrice Wende era una donna esemplare di grande virtù, di eccezionale grazia e raffinatezza!” Così dice il Cancelliere alla pubblica commemorazione. Intanto si apprende che la consorte Wei, la consorte Yang e la consorte Yin saranno presenti alla rappresentazione della sera.

Cairen Wu non trova la sua maschera e, al suo posto, la maschera rubata di Langling ed è costretta ad indossare quella. Ad un certo punto l’imperatore ferma la danza e le chiede di togliersi la maschera e dire il suo nome. Dice di chiamarsi Wu Zhao, nome di cortesia Ruyi. L’imperatore le chiede poi se è la figlia di Wu Shihuo, duca di Ying. “Siete quella nota per intelligenza e talento letterario?” L’imperatore le dice che è colpevole di furto. La consorte Wei chiede dove ha rubato la maschera, disturbando l’imperatore di notte.

E’ costretta a confessare di avere preso la maschera a Chengqing Hall. La consorte Wei dice che, siccome è nota per il suo talento letterario, vuole darle una opportunità. Essendo l’anniversario della morte dell’imperatrice Wende, se è capace di scrivere un poema in sette strofe che elogi le sue saggezza, bellezza e virtù, salverà la sua vita.

Cairen Wu rifiuta, perché un poema è qualcosa che nasce dalla propria sensibilità. Wende era saggia, bella e virtuosa, ma lei la considera soprattutto pietosa.

Tutte le Cairen chiedono all’imperatore di avere pietà.

La consorte Yang dice che l’imperatrice Wende avrebbe voluto che fosse onorato il suo anniversario, aggiungendo un altro contributo alla sua santità, non compiendo un bagno di sangue. La consorte Yin, interrogata, dice che, come buddhista, è contraria alle uccisioni, ma che Cairen Wu è colpevole e deve essere punita. L’imperatore dice di rinchiudere la ragazza a Yeting, in attesa della sentenza.

 

La cameriera chiede alla consorte Yang perché ha salvato Cairen Wu, lei risponde che l’ha difesa in occasione dell’incidente della consorte Liu e, quindi, ricambia il favore. Dice di trovare divertente qualcuno che non rispetta le regole del Palazzo. Soprattutto, pensa che, se Cairen Wu riuscirà a sopravvivere, renderà la vita dura alla consorte Wei.

La consorte Yin dice, davanti ad un altare, che quella sera ha commesso un peccato. La cameriera dice che Cairen Wu ha definito pietosa Wende; ma una Cairen non può dare giudizi su una imperatrice; quindi non sa stare al suo posto. Inoltre ci sono ragioni ineffabili. La persona che vuole Cairen Wu morta, risiede a Qianxiang Palace; a causa del principe di Qi ha dovuto accettare questo e seguire la corrente. Per quanto riguarda le ragioni ineffabili, ogni malfattore ha le sue. La consorte Wei ha preso di mira quella ragazza per spianare la strada a una sua familiare.

Intanto Cairen Wu in carcere viene maltrattata dal secondino. Poi questi le manda un sontuoso pasto, ordinato dalla Virtuous Consort, ma Wu rifiuta. Sopraggiunge Chen Gong-Gong da Ganlu Hall e dice che la carrozza dell’imperatore aspetta Cairen Wu.

Intanto la consorte Wei, parlando con la cameriera, dice che Cairen Wu non ha una famiglia alle spalle e ha spirito, stomaco e fortuna. Batte senza dubbio Xiao Qiang. Wei capisce che l’imperatore non verrà a giocare a scacchi con lei per calmare i nervi. Arriva correndo un servo che dice che Cairen Wu ha lasciato Yeting. L’imperatore l’ha chiamata a Ganlu Hall per servirlo. Wei dice che hanno sottovalutato Wu Ruyi.

 

Intanto Cairen Wu aspetta inginocchiata, guardando il ritratto di Wende.

L’imperatore le chiede di sapere perché ha definito Wende pietosa. Lei vuole chiedere prima se era lui l’uomo che ha danzato con lei la notte precedente. L’imperatore le dice di non chiedere troppo, ma lei risponde che, se la sua risposta fosse sgradita, potrebbe decidere di nuovo di tagliarle la testa. L’imperatore dice che l’ha vista danzare e, quando lei stava cadendo, l’ha sorretta. Lei dice che, qualunque cosa le succeda, non dimenticherà mai quella notte. Dal suo sguardo, sembrava che l’avesse scambiata con l’imperatrice Wende. L’imperatore ammette che la sua mente stava vagando. Cairen Wu chiede perché è così devoto alla imperatrice Wende. Risponde che non assomigliava a nessuna altra donna.

“Ma, in fondo, era solo una donna dell’harem!” “le altre donne amano l’imperatore, non me.” L’imperatrice era una ragazzina, quando l’ha sposato. L’amava per lui stesso, fosse imperatore o mendicante: sarebbe stato lo stesso. Gli diede dei figli e si dedicò a una vita con lui. “Non ci sarà mai più un’altra come lei!” “Dici chi? Io..” “Intendi te stessa? Sai chi sono? Che età avevo la prima volta che uccisi qualcuno? Quante ferite ho sul mio corpo? Ho dei rimpianti? Cosa mi rende così arrabbiato? Che cosa mi rende felice? Conosci l’unica cosa che rimpiango per il resto della vita? Non sai niente. Come osi dire quello?” “Dimmi: le virtù della imperatrice erano note in tutta la terra, anche nelle regioni occidentali. Io avevo grande rispetto per lei! Perché era pietosa ai tuoi occhi?”

“Lo penso, perché ho letto recentemente “Esempi di Donne” e sono giunta a una conclusione. “Una volta pensavo che l’avete amata per tutta la vita e deve essere stata la donna più felice del mondo. Ho letto il libro, cercando di capire il suo segreto nel catturare il cuore di Sua Maestà. Un giorno capii che, avendo avuto 7 figli, doveva occuparsi di loro. Come imperatrice, doveva guidare l’harem.  Se passava abbastanza tempo con Voi, non avrebbe trovato il tempo di scrivere dieci volumi di Esempi per le Donne. Dietro ogni gemma di parola, aveva solo una lampada per tenerle compagnia in innumerevoli notti solitarie. Così ho capito che Sua Maestà non doveva amarla così tanto.” “Continua a parlare!” “Non ho capito perché sembrate così attaccato a lei. Dopo Esempi per le Donne, sono arrivata gradualmente a capire che, piuttosto di dire che amate la imperatrice Wende, è più giusto dire che sentite rimpianto per lei, per non averla amata quando potevate. Questo spiega perché non notiate le altre donne nell’harem. Le stravaganze, a cui siete arrivato nell’anniversario della sua morte dimostrano che provate enorme senso di colpa verso di lei! Quando il mondo pensa che l’imperatrice Wende ha guadagnato il vostro eterno amore, in fondo lei aveva una falsa reputazione. Voi la deludevate, per questo penso che doveva essere pietosa. E’ tutto quello che ho da dire.” “Pensi di essere acuta?”

Wu Ruyi viene ritenuta colpevole di avere diffamato l’ultima Imperatrice. Dopo la cerimonia dell’anniversario, è perciò assegnata a Chengqing Hall, per svolgere i servizi di pulizia durante il giorno e copiare Esempi per Donne di notte, come ammonimento per le altre.

La consorte Yin non ha dormito la notte e si è alzata presto, perché è impaziente di sapere cosa ha fatto l’imperatore a Wu Ruyi. Le dicono che è stata mandata a Chengqing Hall.

La consorte Wei osserva che:  “Dalla morte di Wende, il palazzo è chiuso a tutti, tranne che all’imperatore. Adesso Wu Ruyi può andare in giro e vedere la copia autentica di Esempi per Donne. E’ una ricompensa non una punizione.” La cameriera dice di avere saputo che la notte precedente, dopo avere parlato con Wu Ruyi, l’imperatore era molto arrabbiato. Wei dice infuriata: “Ti tengo per risolvere i miei problemi, non per  fare domande. Un uomo che non cambia mai, cade sempre per qualcuno di nuovo. Nessuna donna può capire il resto su di lui.” La cameriera risponde: “Sono preoccupata di un’altra cosa. Quando Wu Ruyi finisce di copiare Esempi pe Donne, quello potrebbe essere il momento, in cui l’imperatore comincia a sentire affetto per lei.”

“Inutile aspettare! Solo alcuni sono sciocchi e ciechi nell’harem. Molti si affretteranno a cercare il suo favore. Sicuramente la consorte Yang e la consorte Yin stanno cercando di tirarla dalla loro parte!” “In questo caso, Cairen Xiao rimarrà indietro nella sua corsa per guadagnare il favore di Sua Maestà!”

 

EPISODIO 4

La collana, portata da Chun Ying,  vale un autentico tesoro: tutte perle brillano come il ristallo e sono perfettamente rotonde; inoltre tutte le 12 perle hanno la stessa dimensione e colore. Gong Gong deve considerare la collana un gesto di cortesia della imperatrice Wei.

La consorte Wei vuole dare a Cairen Xiao un vantaggio. Gong Gong riconosce che fare speciali preparativi per il servizio all’imperatore è una cosa ben fatta. Può dire a Cairen Xiao di aspettare buone notizie.

 

Gong Gong chiede all’imperatore di scegliere la compagna per la notte per potere fare gli adeguati preparativi.  Ricorda che Cairen Xiao, la notte che lei venne a servirlo, lui andò a Chengqing Hall;  rimase tutta la notte ad aspettare a Ganlu Hall e si buscò un raffreddore. Le fu data una giada a mezzaluna.

Intanto Cairen Wu dice di non essere sicura di avere ballato con l’imperatore e che forse lui non la chiamerà più. Intanto arrivano i servi a chiamare Cairen Xiao. Questa si fa beffe di Cairen Wu. La notte trascorre felicemente.

Ci sono ritratti di Cairen Zheng Wanyan che rassomigliava alla adorata imperatrice Wende. Si era lungamente esercitata ad imitarla per guadagnare il favore dell’imperatore. Ci fu una cospirazione dietro ciò. Il padre la saluta, perché andrà a vivere a palazzo. Lo zio Yin (Yin Hongzhi, capo segretario del principe di Qi) le fa i complimenti. Dice che avrà una vita straordinaria e che la sua sorella minore, la Consorte Virtuosa,  la aiuterà in segreto. Il Palazzo è un luogo pericoloso e bisogna stare attenti! Zheng dice che, anche se assomiglia alla imperatrice Wende, non è lei stessa, dopo tutto. Se anche riuscisse ad ottenere il favore dell’imperatore non potrebbe conservarlo a lungo.

Lo zio dice che, che un periodo di favore, anche breve, sarebbe una fortuna e porterebbe prosperità alla sua famiglia.

Intanto Zhang Gong Gong accompagna alcune nuove ragazze. Alcune sono Cairen e Baolin , le altre,  che arriveranno successivamente, sono semplici ragazze. La consorte Wei e la consorte Yin vogliono conoscere le nuove ragazze alla Fenglu Terrace.

 

Una volta arrivate, le Cairen sono invitate ad inginocchiarsi. Dicono che è un onore incontrare le consorti.  La consorte Wei, sorpresa e irritata, chiede il nome a Zheng Wanyan. Suo padre è Zheng Renxi, vice Cancelliere del Segretariato imperiale. Una somiglianza sorprendente!

Intanto a Chengxi Palace viene chiesto allo zio Yin dalla sorella  perché ha portato Zheng Wanyan a Palazzo. Che intenzioni ha? Ogni suo gesto dimostra che è stata addestrata. Anni prima ha pianificato di uccidere l’imperatore per vendicare la famiglia Yin, ma mancò l’occasione. Impossibile che pensi di attuare il suo piano dopo tanti anni.

Lo zio Yin dice che Zheng deve guadagnare il favore dell’imperatore per riportare alla corte il principe di Qi, mandato lontano.

Poi assistiamo a uno sgradevole episodio che vede protagonista Cairen Xiao. Si arrabbia con  la cameriera perché questa no sa cosa è il succo del mattino e la picchia. Viene trattenuta da Ruyi dal picchiarla ancora. Alcune Cairen vanno a raccogliere il succo dai fiori di loto durante la notte. Parlano tra di loro della “beatitudine suprema” che per loro consiste in un innamorato.

Il solerte ministro Gong Gong si precipita a informare l’imperatore che una Cairen di nome Zheng Wanyan è appena arrivata ed assomiglia moltissimo alla imperatrice Wende.

Zheng è nel giardino a raccogliere il succo del loto. Viene chiamata da Gong Gong che le annuncia che l’imperatore la vuole per il servizio notturno a Ganlu Hall.

 

 

IMMAGINI

 

WU RUYI

leil

inpiedi

 

 

books

lei

wu

 

L’IMPERATORE TAIZONG

 

emperor

ZHENG WANYAN

 

zhenh

zhenh

 

 


 

 

UN POCO DI STORIA

(Sabattini e Santangelo Storia della Cina)

 

 

Sotto Taizong, la forza militare e la diplomazia furono usate congiuntamente per affermare la supremazia imperiale su tutti gli stati confinanti. L’esercito imperiale intervenne con successo nel 634 contro i Tuyuhun, un popolo di origine Xianbei, che abitava nella regione del lago Kokonor; nel 645 intervenne contro la tribù turca di Xueyentuo, stanziata nella regione compresa tra l’Ordos e il fiume Orkhon, che si sottomise. Nel 634 furono stabiliti rapporti con una nuova potenza, sorta tra il VI e il VII secolo: il regno tibetano.

L’attività diplomatica di Taizong non si limitò agli stati confinanti. Il prestigio dell’impero e la sua fama di grande potenza varcarono ogni confine e Chang’an (Xi’an) – senza dubbio la più popolosa e la più imponente città del mondo – vide l’arrivo di missioni tributarie e delegazioni provenienti da ogni parte dell’Asia.

 

Nel 649 a Taizong succedette il figlio Li Zhi con il nome di Gaozong. I primi anni del nuovo regno non videro mutamenti rispetto al periodo precedente; il governo continuò a essere dominato dai ministri di Taizong e il nuovo imperatore sembrava fermamente intenzionato a continuare la politica paterna.  La situazione cambiò a partire dal 655, allorché Wu Zhao (Wu Zetian) venne proclamata imperatrice, in sostituzione della imperatrice Wang, caduta in disgrazia sotto l’accusa di avere complottato per avvelenare l’imperatore.  Wu Zhao era la figlia di Wu Shihuo, membro di una famiglia importante di Taiyuan, che aveva sostenuto Li Yuan nella campagna per la conquista di Chang’an  e ne era stato ricompensato con alte cariche nella amministrazione imperiale. Divenuta concubina di Taizong, ella, alla morte di questi, si era ritirata, secondo il costume, in un tempio buddhista, ma ne era uscito ben presto per ordine di Gaozong, il quale nutriva per lei una segreta passione.  Le fonti, tutte ostili a Wu Zhao, descrivono con abbondanza di particolari gli intrighi che le avrebbero consentito di ascendere dalla posizione di concubina a quella di imperatrice.  E’ certo comunque che il governo e la corte si divisero in fazioni avverse sulla questione relativa alla sua nomina. Nel giro di pochi ani, uelli che si erano opposti a lei uscirono dalla vita politica o persero la vita, come Cu Suiliang, che morì in esilio, o lo stesso Zhangsun Wuji – uno dei personaggi più potenti dell’Impero – il quale fu costretto al suicidio.

Tra i dignitari che avevano ricoperto le più importanti cariche sotto Taizong, solo Li Shiji aveva sostenuto Wu Zhao .  Il nuovo vertice del governo imperiale che si andò costituendo dopo il 655, era costituito da uomini che in precedenza avevano svolto funzioni di secondaria importanza. Per circa 15 anni, il personaggio di maggiore rilievo sarebbe stato Xu Jingzong, un meridionale originario di Hangzhou che aveva conseguito il titolo di xiucai sotto i Sui.

Nel 660, l’imperatore Gaozong fu colpito da paralisi e perse quasi completamente la vista; da allora l’imperatrice Wu prese di fatto il suo posto, svolgendo un ruolo dominante a corte. Fino alla morte di Gaozong, avvenuta nel 683, ella poté però esercitare il suo potere solo in modo indiretto, senza riuscire mai a formalizzare la sua posizione. Le disposizioni testamentarie di Gaozong stabilivano che l’erede al trono Zhongzong avrebbe dovuto consultarsi con lei su ogni questione che  non fosse stato in grado di risolvere da solo.

Apparve però ben chiaro che Wu Zhao non era più disposta ad agire dietro le quinte nella veste di nuova imperatrice vedova. Quando Zhongzong  mostrò di seguire l’influenza della propria consorte, l’imperatrice Wei , elevando alle più alte cariche dello stato il padre di questa, Wu Zhao intervenne con decisione, sostenuta dal membro più autorevole del governo, il presidente della Segreteria, Pei Yan: emanò un decreto di deposizione e Zhongzong dovete lasciare il posto al fratello Ruizong, più disposto ad accogliere i “suggerimenti” della madre.

 

Con questo atto di estrema gravità – considerato illegittimo dalla storiografia ortodossa delle epoche successive – l’imperatrice Wu veniva ad attribuirsi anche ufficialmente il ruolo di supremo arbitro dell’Impero. Ella cominciò a presiedere a tutte le funzioni amministrative e cerimoniali della corte, e si spinse a ordinare l’edificazione a Luoyang – che era ormai diventata la capitale effettiva dell’Impero – di sette templi dedicati ai propri antenati.

 

E’ certo che fu in primo luogo la imperatrice Wu a promuovere il sistema degli esami, fin da quando dominava la corte durante il regno di Gaozong. La sua preferenza per tale metodo di reclutamento è stata variamente spiegata.   Si è osservato tra l’altro che, con questo metodo, ella intendeva favorire l’emergere di nuovi strati sociali per rafforzare la propria posizione nei confronti della aristocrazia, che le era generalmente ostile.

 

In realtà, anche sotto la imperatrice Wu l’accesso agli esami continuò ad essere in larga misura un privilegio della classe aristocratica. E’ vero invece che ella cercò di sfruttare  le contraddizioni esistenti all’esterno della stessa aristocrazia , favorendo famiglie che in passato erano rimaste lontane dal potere e incoraggiando l’ascesa delle élites locali. L’aristocrazia del Nord-Ovest fu senza dubbio la più colpita sotto il regime  della imperatrice Wu. Le ragioni di questo fatto possono essere meglio comprese  se si considera che da questo strato della aristocrazia  erano venute in passato le minacce più gravi al potere dinastico. Ella si mosse con efficacia per liberare dapprima Gaozong e poi se stessa dai vincoli che l’aristocrazia del Nord-Ovest era stato in grado di imporre  attraverso il controllo delle più alte cariche burocratiche.  Tutta una serie di scelte operata dalla imperatrice Wu possono essere spiegate in questa luce.   Anche il trasferimento della capitale da Chang’an a Luoyang non ebbe motivazioni di carattere puramente economico, connesse con il fatto che l’approvvigionamento di Luoyang era più agevole che quello di Chang’an a causa della sua vicinanza al Grande Canale. E’ invece interpretabile anche in chiave politica, in quanto in tal modo la corte veniva a trasferirsi in una area che non era sotto il dominio diretto della Aristocrazia del Nord-Ovest.

Lo sviluppo del sistema di reclutamento attraverso gli  costituì uno strumento di cui si servì la imperatrice Wu per sviluppare la sua politica accentratrice. Attraverso il sistema degli esami , ella poteva esercitare un efficace controllo sui canali di accesso alla burocrazia, dall’altro era in grado di intervenire a livello ideologico, influendo sul contenuto degli esami, La sua politica contribuì allo sviluppo di un vero e proprio “spirito di corpo” tra i funzionari provvisti di titoli accademici: essi finirono per contrapporsi, grazie al prestigio di cui godevano, a quelli che erano entrati nell’apparato burocratico per privilegio ereditario o attraverso altri canali.

 

 

 

 

 

 

ALTRI EPISODI

EPISODIO 14

https://www.youtube.com/watch?v=mQaBs54JR4U&list=PLfL0zCY1LqATkI-FeUOmwjTBaDElgkMfD&index=6&t=0 s

Hao Gong-Gong da Palazzo Chengxi (un eunuco della Cucina Imperiale) chiede di parlare con il principe ereditario per problemi inerenti la successione. Dice che ha portato un regalo grande come il governo Tang. Dice che un gruppo di sostenitori Yin ha catturato l’imperatore. Dice che il principe ereditario deve schierarsi. Se resta fermo, rischia di essere scavalcato. Lui risponde che non è disposto a uccidere suo padre per arrivare al potere in anticipo. Il principe ereditario manda messaggi  sulla presenza di cospiratori al padre e non deflette dalla su linea. Gong-Gong viene ucciso.

Contemporaneamente qualcuno cerca si sorprendere l’imperatore e pugnalarlo. Wu Meiniangafferra con le mani nude il pugnale si ferisce. Taizong viene sorpreso da un gruppo di cospiratori, ma i suoi difensori riescono ad eliminarli. Qualcuno insinua che c’ è ancora una Yin a Palazzo, ma l’imperatore non crede sia coinvolta! Il ministro dice che la consorte Yin andrà a fargli visita a Ganlu Hail nella notte successiva e gli consiglia di stare in guardia. Riguardo a Wu Meiniang, dice che ha supplicato a Taiji Hall per conto di lei. L’imperatore dice che l’ha portata qui, perché sospetta; quando però i traditori hanno cercato di ucciderlo, lei è intervenuta in sua difesa.

 

Zhang Gong Gong chiede alla consorte Yin di scegliere tra il marito e il figlio, ma lei scoppia in lacrime, perché teme venga ucciso suo figlio..

 

 

 

 

 

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.