I FIGLI DEL FIUME GIALLO – LE TRASFORMAZIONI DELLA CINA IN UN FILM DI JIA ZHANG-KE

E’ un’opera complessa che conferma la statura di un regista capace di leggere i mutamenti della contemporaneità in un Paese che si muove a una velocità pari a quella dei suoi treni, quando attraversano senza ritorno le lande desertiche dello Xinjiang. La mutazione accelerata del suo mondo è  l’oggetto ideale del cinema di Jia Zhang-ke.

E’ come se ci fossero tre storie che procedono in parallelo. Accanto alla storia d’amore di Qiao e Bin c’è la storia di un paese attraversato nello spazio e nel tempo, nell’arco di trasformazione tumultuosa disegnato dalla Cina a partire dall’inizio del millennio. Con tutto ciò che ne consegue in termini economici e sociali. Il regista tocca le diverse città del suo mondo,  dalle miniere di carbone dello Shanxi delle sue origini agli estremi confini occidentali dello Xinjiang, passando per la natura quasi morta delle Tre Gole. C’è poi la storia del percorso compiuto da Jia nelle modalità e nelle strategie del suo racconto.

 

Dal punto di vista della struttura, il film si compone di tre parti ambientate negli anni 2001, 2006, 2018 e in due luoghi diversi (Datong nello Shanxi e Fenjie nella regione di Chongqing e delle Tre Gole).

 

Il termine “jianghu”, mutuato dalle arti marziali e trasferito al sottobosco criminale delle Triadi cinesi, descrive il codice di onore e la relazione di fratellanza che caratterizza l’ambiente dove domina Bin. Il film ci porta nella Cina del 2001 dentro la cultura jianghu (quella criminale della triade cinese). Qui la giovane ex ballerina Quiao (Zhao Tao) si innamora di un boss della mafia locale, Bin (Liao Fan) ed è disposta a fare tutto per lui. 

Così, quando Bin si trova in un conflitto a fuoco, non manca di mettersi a sparare per salvarlo, tanto da venire imprigionata per cinque lunghi anni. Non solo. Quando esce lo va a cercare, ma lui si è ritirato, fa un’altra vita e ha un’altra donna.

La relazione di dominio e di possesso tra Quiao e Bin è il contesto della prima parte del film.

I legami, come i luoghi, sono destinati a subire una violenta trasformazione, se non una distruzione senza appello.

Nello Shanxi le miniere chiudono destabilizzando e delocalizzando i suoi abitanti intorno alla centrale elettrica più grande del mondo sulle rive del fiume Yang-tze

 

loca1

 

loc
loc2

 

QIAO

 

fuma

 

qiao

 

inauto

 

 

BIN

 

liaofan bin

 

 

lui

 

UNA COPPIA FELICE

 

ballo

 

insieme

 

qi

 

dueim

 

guarda

 

ins

 

 

LA PISTOLA

 

impara

 

inau

 

 

spara

 

Ash Is Purest White

 

carcerata

 

 

TUTTO  CAMBIATO

 

fidanzata

La nuova fidanzata

 

 

 

IN VIAGGIO

 

treg

 

tregole

 

evolvingchina

 

viaggia

 

mol

Il tassista cerca di approfittare di lei

 

RITROVATO

 

rivedersi

 

 

ANNI DOPO

 

scommessa

 

 

fine

 

 

spacca

 

 

 

 

 

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s